Puli-AMO La Galleria Vittorio Emanuele III – 28/11/2015

condividi su

Arte, cultura, musica, allegria, sorrisi, gioia, aggregazione, dignità, pulizia, umiltà; in una parola: Bellezza. È da questa magica parola che tutto ha avuto inizio. Già alle 9.00 del mattino un piccolo gruppo di volontari era al lavoro per raccogliere i rifiuti più ingombranti; nessuno avrebbe mai immaginato quel che, di lì a poco, sarebbe accaduto.

 

Giovani e meno giovani, artisti e volontari, semplici curiosi e sinceri estimatori. I primi quadri già sul cavalletto davano il benvenuto al numero sempre crescente di partecipanti. Dopo pochi minuti è partita la musica: all’interno della Galleria non sembrava che si stesse pulendo a terra; era più una grande festa dove tutti ballavano con i propri attrezzi da lavoro, quasi come se il mocio fosse un aggraziato ballerino che danzava sul pregiato mosaico, pulendolo ad ogni suo passo. La partecipazione più sentita è stata il “baby” volontariato Daniele che, con i suoi otto anni, ha aiutato mamma e papà a pulire la grande Galleria: il simbolo di una nuova generazione, capace di crescere e scoprire a piccoli passi quanta bellezza risieda in ogni angolo della nostra città.

 

È calata la sera, le luci si accendono. Le opere d’arte riflettono la bellezza della location, regalando a tutti i messinesi un nuovo modo di vivere la Galleria. Per un giorno siamo stati la sua anima e siamo certi che, dopo tanti anni, la Galleria si sia sentita finalmente bella… E forse, anche tutti i volontari si sentono un po’ più belli grazie a lei!

 

I numeri ci dicono che:

1 – la Galleria
10 – gli artisti in mostra
11 – le ore trascorse in Galleria
12 – secchi
15 – moci
20 – litri di detersivi utilizzati
40 – i volontari
200 – le gomme da masticare rimosse dai mosaici
300 – i litri d’acqua utilizzati
800 – i metri quadri puliti
1 – abbraccio di gruppo
1 – applauso finale
Incalcolabile – l’amore dei volontari.

 

Vogliamo ringraziare tutti (ma proprio tutti!) i partecipanti: artisti, volontari, estimatori, semplici passanti e curiosi. Vogliamo ringraziare “Vulkania“, “Poldo” ed “Il Tagliere” per aver fornito i litri d’acqua utilizzati per pulire i mosaici della Galleria. Ringraziamo, infine, la Galleria stessa, per averci accolto come una mamma tra i suoi cristalli colorati, i suoi mosaici, i suoi stucchi, la sua anima violata e, finalmente, curata.